Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC)

EENI- Scuola superiore di commercio estero

Italiano

Unità di apprendimento: la Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC). Angola, il Botswana... Programma:

  1. Introduzione alla Comunità di sviluppo dell'Africa Meridionale (SADC).
  2. Principali istituzioni della SADC
  3. Storia della SADC
  4. Trattato SADC (1992)
  5. Profilo economico della regione SADC
  6. Piani Strategici (SADC)
  7. Sviluppo Economico
  8. Il commercio nella regione SADC
  9. Liberalizzazione del commercio estero
  10. Le Dogane e la facilitazione degli scambi
  11. Politica della concorrenza
  12. Scambi di servizi
  13. SADC: Programma di sviluppo del commercio estero
  14. Piano Regionale di Sviluppo Strategico
  15. Direzione di commercio estero, industria, Finanza e IDE
  16. Processo di integrazione della Comunità per lo sviluppo dell'Africa del Sud
  17. L'area di libero scambio (2008)
  18. Unione doganale (2010)
  19. Mercato comune (2015)
  20. Unione monetaria (2016)
  21. Moneta unica (2018)
    - Programma di sostegno regionale d'integrazione economica
  22. Infrastrutture e servizi nella regione SADC
  23. Trasporti nella Comunità regione di sviluppo dell'Africa del Sud
  24. Maritime, porti e vie navigabili interne
  25. Corridoi nella regione SADC: Maputo Development Corridor, Nord-Sud, Dar-es-Salaam Corridoio, Beira a Nacala Multimodal Corridoio
  26. ICT e Telecomunicazioni
  27. Turismo
  28. Prodotti alimentari, l'agricoltura e risorsi naturali
  29. Hub commerciale dell'Africa meridionale
  30. Gli accordi di libero scambio (ALS):
    1. Comunità per lo sviluppo dell'Africa-Unione europea (accordo di partenariato economico).
    2. L'Accordo con europea di libero scambio.
    3. L'Accordo commerciale preferenziale con il MERCOSUR
    4. L'Accordo COMESA-EAC-SADC tripartito
    5. Accordo con Associazione europea di libero scambio (AELS)
    6. India-Unione doganale dell'Africa del Sud (SACU)

Crediti: 1,1 ECTS CFU

Esempio dell'unità di apprendimento (Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale):
Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale

L'unità - La Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale fa parte del Master professionale in Affari Internazionali (MIB apprendimento online) specializzazione Africa

Abbiamo fiducia Africa

Materiali di studio: En SADC Africa Fr SADC Es SADC

Descrizione dell'unità di apprendimento (Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale)

La Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC) è in vigore dal 1980, quando fu costituita come una libera alleanza di nove stati a maggioranza governate in Sudafrica conosciuta come la Conferenza di coordinamento dello sviluppo dell'Africa del Sud, con lo scopo principale di coordinare progetti di sviluppo al fine di ridurre la dipendenza economica di allora l'apartheid in Sud Africa.

Gli obiettivi della Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale (SADC):
- Realizzare lo sviluppo e la crescita economica
- Alleviare la povertà
- Migliorare il livello e la qualità della vita delle popolazioni del Sudafrica e
- Sostenere le persone socialmente svantaggiate attraverso l'integrazione regionale.

Membri: l'Angola, il Botswana, la Repubblica Democratica del Congo, il Lesotho, il Madagascar, Malawi, Mauritius, il Mozambico, la Namibia, le Seychelles, il Sudafrica, lo Swaziland, Tanzania, lo Zambia e lo Zimbabwe.

SADC-Unione europea (UE)
SADC-Unione europea

L'Unione doganale dell'Africa del Sud (SACU). La Repubblica di Sudafrica, il Botswana, il Lesotho e Swaziland.

La Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale è stata costituita nel Lusaka, lo Zambia il 1° aprile 1980, dopo l'adozione della Dichiarazione di Lusaka - Sudafrica: verso la liberazione economica.

La trasformazione dell'organizzazione di una conferenza di coordinamento in una comunità di sviluppo ha avuto luogo il 17 agosto 1992 a Windhoek, la Namibia, quando la Dichiarazione e il trattato è stato firmato in occasione del Vertice dei Capi di Stato e di governo dando all'organizzazione un carattere giuridico.

La Sede della Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale si trova a Gaborone, il Botswana.

L'economia della regione dell'Africa del Sud.

La crescita economica nella regione è rimasta robusta di fronte alla crisi finanziaria mondiale e gli alti prezzi energetici e alimentari. La crescita economica media del 6,8 per cento (escluso Zimbabwe) rispetto al 6,4 per cento. Alcuni paesi della regione hanno beneficiato i termini di vantaggi commerciali derivanti della impennata dei prezzi delle materie prime. Tuttavia, ci sono variazioni tra i vari paesi.

Comunità dell'Africa del Sud SADC

L'Angola, il Malawi, il Mozambico e la Tanzania ha registrato elevati tassi di crescita superiori al 7 per cento. Prestazioni soddisfacenti in agricoltura ha seguito di condizioni meteorologiche favorevoli, e una maggiore produzione di petrolio ha contribuito alla buona prestazione economica in questi paesi.

Secondo il direttorio Mondiale degli Investimenti, gli afflussi d'investimento diretto all'estero verso la regione dell'Africa del Sud sono stati irregolari dal 2000. Gli afflussi d'investimenti aumentato a 22,1 miliardi di dollari da 1,7 miliardi di dollari. i flussi d'investimento diretto all'estero si prevede un rallentamento a 17,8 miliardi di dollari.

Sudafrica hanno rappresentato per la maggior parte degli afflussi seguita da Angola. Tuttavia, gli afflussi d'investimento diretto all'estero al Botswana, la Tanzania, la Namibia e lo Zambia anche rappresentato un contingente considerevole degli afflussi totali verso la regione. Sud l'Africa per oltre il 62 per cento dello stock d'investimento diretto all'estero nella regione seguita da Angola di contabilità per una media di 14 per cento.


La regione dell'Africa del Sud è stata colpita soprattutto della riduzione dei flussi finanziari internazionali e transfrontalieri (crisi globale) e che rientrano crescita economica reale e sui flussi commerciali

Un approccio coerente per i negoziati commerciali regionali e multilaterali in modo da garantire che i paesi della Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale cogliere i vantaggi e con successo affrontare le sfide connesse con il commercio dei servizi e dei negoziati paralleli:
- All'interno della regione dell'Africa del Sud
- Con la regione Mercato comune dell'Africa orientale e meridionale
- tra la Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale e l'Unione europea nel quadro dell'accordo di partenariato economico, e
- Nel quadro dell'accordo generale sul commercio dei servizi (GATS) dell'Organizzazione mondiale del commercio.

La direzione del commercio estero, dell'industria, della finanza e degli investimenti include i seguenti programmi:
- La Cooperazione doganale e modernizzazione
- Investimenti e il finanziamento dello sviluppo
- Convergenza macroeconomica
- Politiche macroeconomiche e del programma di convergenza
- Coordinamento fiscale
- Minerario
- Competitività produttiva
- Politiche commerciali regionali e multilaterali
- Standardizzazione, garanzia della qualità, accreditamento e metrologia


EENI Scuola superiore di commercio estero