Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa

EENI- Scuola superiore di commercio estero

Italiano

Unità di apprendimento: Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa (NEPAD). Programma:

  1. Introduzione al NEPAD (Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa).
  2. Strutture di Governance del Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa.
  3. Segreteria del NEPAD
  4. Pianificazione e coordinamento dell'Agenzia NEPAD
  5. Piano Strategico 2014-2017
  6. Aree Tematiche
  7. Agricoltura e sicurezza alimentare
           - Programma completo Africa Agriculture Development
  8. Integrazione regionale e infrastrutture
           - Piano d'azione NEPAD - Unione africana 2010-2015
  9. Trasporti
        - Trans Africana Autostrade Networks
         - Lobito Corridoio
  10. Energia
  11. Il commercio estero intra-africano
  12. Altre aree: tecnologie dell'informazione e della comunicazione, il settore privato, finanza...
  13. Iniziativa di sviluppo delle capacità
  14. Governance economica (NEPAD)
  15. Meccanismo di revisione tra pari africano.
        - Democrazia e Governance politica
        - Governance economica
        - Governo dell'impresa
        - Socio-Economico
  16. NEPAD e le comunità economiche regionali africane.

Crediti: 0,7 ECTS CFU

Master Africa - Paesi musulmani.

Materiali di studio: En NEPAD Africa Fr NEPAD Pt NEPAD Es NEPAD

Esempio dell'unità di apprendimento - Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa (NEPAD):
Nuovo partenariato Africa

Abbiamo fiducia Africa

Descrizione dell'unità di apprendimento (Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa)

Il NEPAD (Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa) ha lo scopo di affrontare la sfida attuale di fronte ai paesi africani.

Argomenti gestiti da Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa sono: incrementando i livelli di povertà, il sottosviluppo, l'emarginazione dell'Africa...

Per questo motivo, il Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa propone un intervento radicale, guidata da leader africani, per sviluppare una nuova visione che garantisca Rinnovo dell'Africa.

Gli obiettivi di Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa sono:

- Eliminare la povertà;
- Mettere i paesi dell'Africa su un modo di crescita economica sostenibile e lo sviluppo;
- Arrestare l'emarginazione dell'Africa nel processo di globalizzazione e di migliorare la sua integrazione economica nell'economia regionale e mondiale;
- Accelerare l'responsabilizzazione delle donne

Principi del NEPAD (Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa):

- Il buon governo come requisito fondamentale per lo sviluppo della pace, della sicurezza e sostenibile
- La Proprietà e direzione dell'Africa, profonda partecipazione da parte di tutti i segmenti della società africana;
- Fissaggio lo sviluppo dell'Africa sulle proprie risorse e persone africani;
- Partenariato regionale tra i popoli africani;
- Accelerazione di integrazione regionale e l'Africa;
- Sviluppare la competitività dell'economia dell'Africa;
- Creazione di una nuova Associazione internazionale che cambia il rapporto ineguale tra l'Africa e il mondo sviluppato, e
- Garantire che tutti i partenariato con il NEPAD (Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa) sono collegati agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio.

I paesi membri del Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa: l'Algeria, Angola, il Benin, il Botswana, il Burkina Faso, il Burundi, il Camerun, Capo Verde, la Repubblica Centrafricana, Comore, la Repubblica del Congo, la Repubblica Democratica del Congo, la Costa d'Avorio, il Gibuti, la Repubblica araba d'Egitto, l'Eritrea, l'Etiopia, il Gabon, il Gambia, il Ghana, Guinea-Bissau, la Guinea Conakry, la Guinea Equatoriale, il Kenya, il Lesotho, la Liberia, la Libia, il Madagascar, il Malawi, Mali, la Mauritania, Mauritius, il Mozambico, la Namibia, il Niger, la Nigeria, l'Uganda, il Ruanda, Sahara Occidentale, Sao Tome Tome e Principe, il Senegal, le Seychelles, la Sierra Leone, la Somalia, il Sudan, lo Swaziland, la Tanzania, il Ciad, il Togo, la Tunisia, lo Zambia e lo Zimbabwe.

Il Meccanismo di revisione tra pari è uno strumento reciprocamente accettato volontariamente aderito l'economia degli Stati membri dell'Unione africana come africano autocontrollo meccanismo.


EENI Scuola superiore di commercio estero