Bhagavadgita (Induismo) secondo Mahatma Gandhi

EENI- Scuola superiore di commercio estero

Italiano

Descrizione dell'unità di apprendimento - Il Bhagavadgita - Mahatma Gandhi

La Bhagavadgita è uno dei patrimoni spirituale della Umanità.

La conoscenza basica della Bhagavadgita ci aiuterà ad apprezzare migliore i principi etici dell'Induismo (India).

Esempio dell'unità di apprendimento - Bhagavadgita (Induismo)
Bhagavadgita (Induismo)

L'unità Bhagavadgita (Induismo) fa parte del Master professionale in Affari Internazionali (MIB apprendimento online) specializzazione Asia

Materiali di studio: En Bhagavad Guita Es Bhagavad Guita Fr Hindouisme

Un'eccellente via per conoscere l'induismo è attraverso della Bhagavadgita, senza dubbio, una dell'opere più belle, lette e tradotte nella storia della Umanità.

Di tra le molte traduzioni e interpretazioni del Gita abbiamo scelto "la Bahgavad Gita dell'accordo a Gandhi" (l'Vangelo dell'azione disinteressata") con commenti del proprio Gandhi sopra la Bhagavadgita.

Per Gandhi l'insegnamento fondamentale della Bhagavadgita è il distaccamento, l'abbandono dei frutti dell'azione.

"Mantenendo la totalità dei suoi sensi in assoluto controllo, mantenendo tutto con imparzialità, dedicatoti al benessere di tutti gli esseri, certamente loro vengono per Me.

Ma è maggiore lo sforzo di quelli la cui mente sta fissa in l'Immanifestato".
Bhagavadgita Cap XII,4

"Considerato uguali il piacere e il dolore, vincere o perdere, la vittoria o la sconfitta, e preparare per la lotta (interna): provenendo così non commettere peccato". Bhagavadgita II-38

La Bhagavadgita è la culminazione dell'anteriori Vedas (Brahmanoas, Vedanta Sutras, Upanishads e Shrimad Bahagavatam)

È un libro bello, e potremmo considerarlo come patrimonio della Umanità. È oltretutto, letto da milioni d'induista ogni giorno.

Gandhi, nella propria introduzione del libro, nel messaggio della Bhagavadgita (Anasakti Yoga) ci presenta i due concetti chiavi dell'induismo:

  1. Veridicità
  2. Non violenza (ahimsa)

Armonia religioni Ahimsa non violenza

Ahimsa Etica Ramakrishna

Gandhi fu un esempio di una vita basata nella non violenza. Nell'indipendenza pacifica dell'India dell'Impero Britannico furono fondamentale l'ahimsa predicato dal Mahatma.

La Bhagavadgita s'avvia in un palcoscenico di Guerra tra due clan familiari, i Kauravas (il male) e i Pandaras (il bene), un dialogo tra Sri Krishna e il guerriero Pandara Arjuna.

Ma in assoluto si tratta di una guerra materiale, bensì che c'è bisogno di interpretare come una guerra nell'interiore dell'uomo, nel suo cuore. È la lotta interna di ogni uomo con il bene e il male. In Occidente sole essere un errore comune valutare al Bhagavadgita come una storia sopra la guerra.

Il concetto di che il male risiede nel nostro interiore e non nell'esteriore, è uno dei principi fondamentali dell'induismo:

"Porqué L'Atman è l'amico di uno stesso e anche il nemico di sé stesso." Bhagavadgita VI-5

Tornando a mostrare questa flessibilità latente nell'induismo, si identificano quattro profili spirituale e per ognuno di loro si propone un cammino del Yoga differente, adattato al suo profilo, alla personalità dell'individuo

Ho messo davanti te il cammino della conoscenza (Samkhya): ascolta adesso il cammino dell'azione (Yoga), seguendo questo cammino ti libererai dello schiavismo dell'azioni" II -39

Ahimsa Gandhi

Bhagavadgita Cap XII,4
considerato uguali il piacere e il dolore
Bhagavadgita

Etica Gandhi

Filantropia e induismo

Secondo Gandhi la Bhagavadgita:

"Lascia chiaramente stabilito lo spirito e la natura dell'azione corretta, e dimostrazione come la vera conoscenza deve manifestarsi in atti di servizio disinteressato".

Krishna ricorda che liberarsi dell'azione è liberarsi dello schiavismo delle azioni. Osserviamo anche l'importanza della Filantropia, che come potremo osservare nei casi di studio sopra imprenditori indiani sarà comune a tutti loro, tutti hanno un sentimento di ritornare alla società, parte di quello che hanno vinto.

Gli insegnamenti della Bhagavadgita hanno avuto influenza in Occidente: Arturo Schopenhauer, Riccardo Wagner, Federico Nietzsche, Tommaso Mann, Carl Jung, Henry Thoreau TS Elliot o Leone Tolstoi. Negli ultimi decenni Julia Roberts, il chitarrista Giovanni McLaughlin o il Beatle George Harrison si convertirono all'induismo.

Gandhi Jesus

Bhagavadgita Thoreau

Ahimsa Dalai Lama

Gandhi Martin King

Sri Ramakrishna fu uno degli importanti riformatori dell'induismo nel secolo XIX.

Religioni e affari

Ahimsa Induismo

EENI Scuola superiore di commercio estero