Dialogo per la cooperazione asiatica

EENI Business School & Università


EENI Home
Italiano

Unità di apprendimento (Dottorato, Master, Bachelor): Dialogo per la cooperazione asiatica (ACD). Programma:

  1. Introduzione al Dialogo per la cooperazione asiatica (ACD).
  2. L'impatto della recessione globale in Asia.

Esempio dell'unità di apprendimento (formazione a distanza FAD) - Dialogo per la cooperazione asiatica:
Dialogo per la cooperazione asiatica

Master in Affari Internazionali (Apprendimento online) specializzazione Asia

Materiali di studio: Istruzione superiore in Inglese Asia Cooperation Dialog Istruzione universitaria in Spagnolo Diálogo de Cooperación de Asia Istruzione terziaria in francese Dialogue de coopération asiatique Formazione a distanza in portoghese

Descrizione dell'unità di apprendimento - Il Dialogo per la cooperazione asiatica:

Il Dialogo per la cooperazione asiatica è un’organizzazione internazionale regionale per promuovere la cooperazione asiatica ad livello continentale, aiutando l’integrazione di organizzazioni regionali di cooperazione politica o economica

Il Dialogo di cooperazione Asia (ACD) è stato inaugurato nel giugno 2002 a Cha-Am, la Tailandia, dove 18 ministri degli Affari Esteri asiatici si sono incontrati per la prima volta.

Il Dialogo per la cooperazione asiatica è un Foro a livello di continente, il primo del suo genere dell'Asia. Più specificamente, il Dialogo per la cooperazione asiatica ha lo scopo di costituire l'anello mancante dell'Asia incorporando tutti i paesi asiatici e la costruzione di una comunità asiatica senza duplicare altre organizzazioni o la creazione di un blocco contro gli altri.

Il Dialogo di cooperazione Asia è formato per 30 paesi: il Bahrein, il Bangladesh, il Brunei Darussalam, il Bhutan, la Cambogia, la Cina, l'India, l'Indonesia, l'Iran, il Giappone, il Kazakistan, la Repubblica di Corea, il Kuwait, il Laos, la Malesia, la Mongolia, la Birmania, il Pakistan, le Filippine, l'Oman, il Qatar, la Russia, l'Arabia Saudita, Singapore, lo Sri Lanka, la Tailandia, gli Emirati Arabi Uniti e il Vietnam, con il Tagikistan e l'Uzbekistan recentemente ammesso alla quinta riunione ministeriale a Doha, Qatar, nel maggio 2006.



(c) EENI- Business School & Università Ispano-Africana degli affari internazionali